Ipovedenti

L’ ipovisione  è una condizione in cui si ha una riduzione della funzione visiva  che coinvolge : acutezza visiva , campo visivo, sensibilità al contrasto, percezione dei colori.

Una persona ipovedente presenta un visus corretto inferiore a 3/10  e/o un campo visivo alterato.

La riduzione visiva è data da un danno irreversibile a livello della retina centrale (maculopatia) che provoca una difficoltà durante lettura e scrittura,  oppure da un danno della retina periferica (retinopatie-glaucoma) che causa difficoltà nel movimento e nell’orientamento poiché la percezione dello spazio è alterata.

Il danno visivo determina una disabilità nell’eseguire alcune attività creando uno svantaggio sociale: handicap.

In Italia gli ipovedenti sono circa 1.500.000 (dati ISTAT) 

Fattori di rischio sono :  età, fumo, ipernutrizione (diabete –ipertensione) , esposizione ai  raggi UV.

Le cause sono: glaucoma, retinopatie, maculopatie  senili, ambliopia, strabismo ,traumi.

Per gli ipovedenti esiste un percorso riabilitativo che aiuta il paziente nella sua globalità: psicofisica, relazionale e sociale, si attua quando c’è accettazione della condizione e stabilità del quadro clinico.

Il riabilitatore  visivo fornisce ausili ottici per favorire la miglior visione (eccentrica) per lontano e per vicino ed il miglio ingrandimento per un buon compenso di fissazione. Individuato l’ausilio più adatto si eseguono esercizi di lettura guidati abbinati ad esercizi di fotostimolazione con biofeedback o winflash (stimoli strutturati reticoli –barre-punti e stimoli luminosi e colorati) della durata  di 10 sedute per 30 minuti. 

Gli ausili ottici comprendono: lenti di ingrandimento , occhiali ingrandenti (bino), telescopi (galileiano), filtri fotoselettivi  blue blocking

lenti intraoculari , video-ingranditori da tavolo e portatili (optoelettronici), ausili informatici (lettori automatici, software ingrandenti). 

Un particolare riguardo va all’ipovisone congenita . Il bambino con difficoltà visive alla nascita ha bisogno di stimolare l’uso funzionale della vista e la maturazione visiva attraverso  un allenamento della funzione visiva.

Questo avviene mediante stimolazione della fissazione per indurre la percezione del dettaglio (meglio se colorato) , mediante stimolazione del contatto visivo attraverso una comunicazione verbale , favorendo una percezione d’insieme  e mediante l’esplorazione dello spazio e del movimento, agevolando gli spostamenti del bambino per esplorare con efficacia lo spazio e l’ambiente. Utile anche il massaggio infantile che rafforza il legame di rispetto ed amore tra genitore e figlio,  e l’acquaticità che contribuisce ad uno sviluppo psicomotorio armonioso. Altre strategie usate sono le attività psicomotorie che aiutano a sviluppare consapevolezza dei propri limiti e delle insicurezze e la pet- therapy ( terapia per mezzo di animali ) che ha azione di tipo ludico comunicativa e responsabilizzante . In ultimo mediante  le attività socializzanti si valuta la correlazione tra vista e comportamento e si stabiliscono le facilitazioni e gli adattamenti necessari per il bambino ipovedente. 

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi